“Pan Brioche” di patata (coca de Valldemossa)

AutoreAntoni MateuCategoria, DifficoltàIntermediaTempo totale8 ore

Oggi vi portiamo la ricetta di un "pan brioche" fatto con le patate. Questo tipico dolce maiorchino viene chiamato coca de patata coca de Valldemossa. Valldemossa è un pittoresco paesino di montagna -apprezzato per tanti personaggi durante la storia, come Frédéric Chopin e George Sand-, dove si sono popolarizzati questi dolci negli ultimi decenni. In realtà è un dolce molto tradizionale in tutta l'isola, con un grande protagonismo nelle feste del periodo invernale.

La nostra tradizione nella vigilia di Natale è cenare presto di qualcosa poco sostanziosa, andare alla messa del gallo (missa de matines) verso le 22 o le 23, e poi al rientro prendere una bella tazza di cioccolata calda con queste coques de patata prima di andare a letto... che bei ricordi! In più, questi dolci si mangiano anche a Carnevale cotti con dei pezzi di carne sopra (quanto ci piace l'abbinamento dolce-salato ai maiorchini!).

Ecco qui una poesia popolare (glosa) che ci parla dell'importanza delle coques a Natale:

Si em convida per anar
a matines, s'estimada,
ja pot estar preparada
que sa coca vull tastar;
i vi que m'ha de donar,
de sa bóta congrenyada.
Si em promet de dar-me vi,
s'al·lota, i coca amb tallades,
no haurà de dir tres vegades
«'nem a matines amb mi!»,
només que abans de partir
jo la vull haver tastada.

Se mi invita ad andare
a matines [la messa della vigilia], la mia ragazza,
deve già essere pronta
che la coca voglio assaggiare,
e vino che mi deve dare
dalla botte più grande.
Se promette vino darmi,
la mia ragazza, e anche coca
non dovrà dirmi tre volte
"dai, andiamo a messa!",
mi basta che prima di andarci
me l'abbia fatto assaggiare.

Se vengono rispettati i tempi di lievitazione, il risultato è davvero buono: una coca bella morbida e umida. Con queste misure vengono fuori tra sei e dieci coques, dipende dalla misura. Andiamo avanti?

Ingredienti
 200 g patata
 3 uova
 100 g strutto
 150 g zucchero
 20 g lievito fresco
 50 mL di acqua tiepida per scioglere il lievito
 500 g farina manitoba, aprox.
 Olio di oliva per ungerci le mani
 Zucchero a velo
Come fare

1

Misceliamo in una ciotola il lievito con l'acqua tiepida e due cucchiai di farina. Deve formarsi una massa piuttosto appiccicosa, come si vede nell'immagine. Poi chiudiamo il contenitore e lasciamo lievitare per circa un'ora.

2

Mentre questo prefermento lievita, facciamo bollire le patate intere con la pelle. Quando sono cotte peliamole e passiamole due volte con il passapatate.

3

Dopo un'ora il prefermento avrà lievitato e raddoppiato il volume.

4

Mischiamo in una ciotola il prefermento appena fatto, le uova, lo zucchero, lo strutto e le patate schiacciate. Impastiamo un po' con le mani per far sciogliere bene le patate e lo strutto.

5

Aggiungiamo la farina un po' per volta, quella che basta (circa mezzo chilo). Bisogna impastare per qualche minuto, finché l'impasto non diventerà bello elastico. Se si appiccica troppo alle mani possiamo ungerle con dell'olio di oliva.

6

Quando l'impasto è pronto, mettiamolo in un recipiente per la prima lievitazione. Noi abbiamo usato una casetta di quelle che si usano per l'impasto della pizza, per non fare essiccare l'impasto. Lasciamo lievitare quest'impasto finché triplica il volume.

7

Dopo un paio d'ore questo è il risultato. Il tempo preciso dipende molto dalla temperatura della stanza; noi abbiamo messo la cassetta in forno leggermente caldo (meno di 50 gradi) e ci sono volute due ore.

8

Impastiamo la massa di nuovo e facciamo delle palline. Le dimensioni dipendono dal nostro gusto; una buona misura sono palle di 170-190 grammi.

9

Adagiamo le palline sulla teglia ricoperta da carta da forno e le lasciamo lievitare una seconda volta. Noi abbiamo messo la teglia dentro al forno leggermente caldo, per tre ore.

10

Quando avranno lievitato le inforniamo a 180 ºC.

11

Sono cotte quando prendono un bel colore (10-15 minuti). Attenti perché si bruciano facilmente, e non devono fare una crosta troppo dura.

12

Una volta fredde le copriamo con dello zucchero a velo e... E' pronto si mangia!

Consigli e trucchetti:
  • Per farle lievitare un buon modo è metterle nel forno leggermente caldo insieme ad un bicchiere d'acqua calda. Il bicchiere eviterà l'asciugatura dell'impasto.
  • Si possono surgelare dopo cotte. Poi basterà scaldarle leggermente in microonde per godercele!

Ingredienti

Ingredienti
 200 g patata
 3 uova
 100 g strutto
 150 g zucchero
 20 g lievito fresco
 50 mL di acqua tiepida per scioglere il lievito
 500 g farina manitoba, aprox.
 Olio di oliva per ungerci le mani
 Zucchero a velo
Come fare

Come fare

1

Misceliamo in una ciotola il lievito con l'acqua tiepida e due cucchiai di farina. Deve formarsi una massa piuttosto appiccicosa, come si vede nell'immagine. Poi chiudiamo il contenitore e lasciamo lievitare per circa un'ora.

2

Mentre questo prefermento lievita, facciamo bollire le patate intere con la pelle. Quando sono cotte peliamole e passiamole due volte con il passapatate.

3

Dopo un'ora il prefermento avrà lievitato e raddoppiato il volume.

4

Mischiamo in una ciotola il prefermento appena fatto, le uova, lo zucchero, lo strutto e le patate schiacciate. Impastiamo un po' con le mani per far sciogliere bene le patate e lo strutto.

5

Aggiungiamo la farina un po' per volta, quella che basta (circa mezzo chilo). Bisogna impastare per qualche minuto, finché l'impasto non diventerà bello elastico. Se si appiccica troppo alle mani possiamo ungerle con dell'olio di oliva.

6

Quando l'impasto è pronto, mettiamolo in un recipiente per la prima lievitazione. Noi abbiamo usato una casetta di quelle che si usano per l'impasto della pizza, per non fare essiccare l'impasto. Lasciamo lievitare quest'impasto finché triplica il volume.

7

Dopo un paio d'ore questo è il risultato. Il tempo preciso dipende molto dalla temperatura della stanza; noi abbiamo messo la cassetta in forno leggermente caldo (meno di 50 gradi) e ci sono volute due ore.

8

Impastiamo la massa di nuovo e facciamo delle palline. Le dimensioni dipendono dal nostro gusto; una buona misura sono palle di 170-190 grammi.

9

Adagiamo le palline sulla teglia ricoperta da carta da forno e le lasciamo lievitare una seconda volta. Noi abbiamo messo la teglia dentro al forno leggermente caldo, per tre ore.

10

Quando avranno lievitato le inforniamo a 180 ºC.

11

Sono cotte quando prendono un bel colore (10-15 minuti). Attenti perché si bruciano facilmente, e non devono fare una crosta troppo dura.

12

Una volta fredde le copriamo con dello zucchero a velo e... E' pronto si mangia!

“Pan Brioche” di patata (coca de Valldemossa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *